Si ringrazia per la gentile concessione delle immagini il Sig. Giuseppe Nargino dell'associazione GALT
Comune di Locate di Triulzi
HOME  |  MAPPA
Motore di ricerca
  

Sei in: Home » il comune » bacheca comunale » Progetto 2016-2017 - "I Giusti Siamo Noi" - Scuole di Locate » scheda comunicazione

Il Comune

Bacheca comunale

I Giusti Siamo Noi!

 

Progetto 2016-2017 Scuole di Locate di Triulzi e Territorio

I GIUSTI SIAMO NOI
Sulla strada della legalità per costruire il futuro

                                                                                                    

Premessa


L’Amministrazione Comunale di Locate di Triulzi quest’anno vuole dare il via a un progetto di Educazione alla Legalità e alla Giustizia che, aspirando a coinvolgere la cittadinanza, con un occhio però puntato sui giovani (attraverso le Scuole dislocate sul territorio e le realtà sociali di aggregazione giovanile), si propone quale continuum ideale del lavoro dedicato ai principi fondamentali della Costituzione Italiana, che nel corso dell’anno sc 2015-2016 ha interessato il medesimo ampio target.

Fatto certo che nel PTOF (Piano Triennale Offerta Formativa) degli Istituti Scolastici siano previsti percorsi di consapevolezza civica, il presente progetto, in linea con gli obiettivi dell’Amministrazione determinata a investire sui giovani, intende offrire a questi ultimi ulteriori strumenti e maggiori opportunità utili alla formazione individuale, contribuendo a sviluppare la conoscenza delle regole della vita sociale, i valori della dignità, della libertà, della solidarietà, della sicurezza a difesa di qualsiasi forma di illegalità o sopruso.

Motivazione

Il progetto denominato “I giusti siamo noi” si inserisce nel contesto della condizione giovanile tutta, caratterizzata da un progressivo disorientamento generale, oscillante tra l’obbedienza alle regole appartenenti alla propria tradizione e famiglia e contemporaneamente tentata dal rifiuto delle medesime. In una società come la nostra che risulta spesso inadeguata a fornire mediazioni simboliche credibili e attuabili, deprivata (o offuscata) delle figure di riferimento in grado di richiamare processi di identificazione, risulta quanto mai complesso per i giovani riconoscere e accettare il mondo delle regole, convivere nella comunità come membri propositivi e rispettosi.

La necessità di strutturare una rete solida che metta in relazione Istituzioni, Scuole, Associazioni, Partner specifici, al fine di supportare i bambini, le bambine, i ragazzi, le ragazze nell’acquisizione delle responsabilità diventa responsabilità per quegli adulti cui spetta il compito di consegnare il testimone del domani ai propri figli. In un’ottica di prevenzione e formazione, la Scuola, insieme alla Famiglia e alle Istituzioni possono significativamente promuovere la cultura della giustizia e della legalità, educando i futuri e le future cittadine al rispetto della dignità della persona, attraverso la presa in carico dei diritti e dei doveri e l’interiorizzazione dei principali valori che fondano la convivenza civile.

Il progetto in oggetto in questo scenario rappresenta una sfida che tutti siamo chiamati a cogliere, avendo chiara l’idea di una società giusta. Una sfida importante e faticosa, perché improntata sul superamento di tante ingiustizie che dominano la nostra quotidianità, ma ancora di più perché impegnata a sovvertire virtuosamente il retaggio, i tabu che invadono spesso il nostro schema culturale di pensiero.

 

 

Obiettivi

-Sensibilizzare i giovani sui temi della Legalità e della Giustizia, promuovendo la cultura della democrazia, della solidarietà e della tolleranza

- Ragionare sulla contrapposizione tra omertà, paura, pregiudizi e dialogo, dignità, rispetto

- Insegnare che ciascuno ha determinati diritti, ma nel rispetto del prossimo è tenuto ad adempiere ad altrettanti doveri

- Promuovere il rispetto delle regole, indispensabili ingredienti della convivenza civile,  evidenziando i rischi e le conseguenze del non rispetto

- Sviluppare il senso di appartenenza alla comunità, accrescendo le possibilità di partecipazione

- Comprendere le forme di ingiustizia per non subirle, per prevenirle, per combatterle

- Acquisire i valori della convivenza civile nel quadro dei principi affermati dalla Costituzione Italiana

- Fare comprendere che la legalità e la giustizia non hanno attinenza esclusivamente con l’ambito giuridico, bensì si arricchiscono dei valori “umani” e relazionali che attingono dalla cultura e dal conseguente comportamento che ciascuno adotta verso la società in cui vive

- Illustrare i pericoli derivanti dalla rete informatica, favorendone un uso corretto

- Sapere individuare le situazioni di disagio e di rischio che potrebbero degenerare in fenomeni quali il bullismo, la violenza, le dipendenze alcoliche, ludiche o stupefacenti

-Educare all’integrazione e al rispetto di genere, nella consapevolezza delle differenze, essenziali per creare un mondo migliore

- Fare conoscere i diversi compiti istituzionali delle Forze dell’Ordine presenti sul territorio per garantire la sicurezza ai cittadini

 

 

Sviluppi

Apertura dei lavori durante il mese di settembre 2016. Ciascun alunno e ciascuna alunna (di ciascuna Scuola) riceveranno una lettera del Sindaco, nella quale in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico, insieme agli auguri di buono studio verrà spiegato l’intero progetto e contestualmente donato alle famiglie il libro 1, 10, 100 Agende Rosse, realizzato grazie al contributo del Movimento Gruppo Peppino Impastato di Milano*.

Primaria, Secondaria parteciperanno all’incontro con Salvatore Borsellino e alla Mostra di fumetti di Agende Rosse-Gruppo Peppino Impastato di Milano, che racconta le stragi di mafia che hanno devastato il nostro Paese, attraverso le voci di coloro che hanno dedicato la vita alla ricerca della Verità. Particolare attenzione sarà riservata al magistrato Antonino Di Matteo, “erede” di Falcone e Borsellino, oggi sotto scorta e massima protezione, impegnato nelle indagini sulla presunta trattativa tra Stato e mafia.
Mese di ottobre- mostra allestita presso Sale Palazzo Trivulzio (2 settimane).

Attraverso le referenti della Scuola le classi indicheranno il percorso sul quale lavoreranno fino al mese di maggio.

Durante il corso dell’anno le Referenti terranno aggiornati gli uffici del Comune interessati e concorderanno con questi progress e iniziative inerenti l’opzione selezionata.

Nel corso dell’anno diversi saranno gli incontri tematici proposti sia alle Scuole sia alla cittadinanza, al fine di sensibilizzare il più vasto pubblico sulle questioni di seguito argomentate.

Durante la prima settimana di giugno (dal 2 giugno) partirà la Settimana della Giustizia. In questo arco temporale si offrirà spazio alle scuole affinché presentino alla cittadinanza i loro lavori. Varie saranno le manifestazioni correlate e di arricchimento: spettacoli e dibattiti, festa dei diciottenni e della Costituzione Italiana, mostre itineranti con i lavori realizzati ecc. Il conferimento della cittadinanza ai Magistrati Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia (impegnati nel processo Trattativa Stato-Mafia) rappresenterà il momento culminante.

*Partnership con Comune Lacchiarella: per l’acquisto delle Agende Rosse e la condivisione di eventi pubblici.

Lavori per le Scuole

1

I giusti siamo noi! Stop alla mafia.

Cappello introduttivo

Il lavoro si realizza grazie alla collaborazione già avviata con l’Associazione Le Agende Rosse di Salvatore Borsellino, Gruppo Peppino Impastato di Milano.

Dopo avere partecipato alla Mostra di fumetti 1, 10, 100 Agende Rosse, a cura dell’Associazione, e dopo avere trattato il libro in classe con le insegnanti, i  ragazzi lavoreranno sulle storie dei “Giusti” raccontate nel libro delle Agende Rosse e realizzeranno con il supporto dell’Amministrazione Comunale:
iBooks tematici (digitalizzazione Scuole)
Un numero di Notiziario Comunale dal titolo: I Giusti Siamo noi
Una mostra con l’esposizione dei lavori svolti nel corso dell’anno

Soggetti coinvolti: Associazioni, gruppi-realtà-enti sensibili alle tematiche, magistrati, testimoni di giustizia, giornalisti, Forze dell’Ordine

Materiale di supporto: libri, film, documentari, spettacoli teatro

Extra: Libera Campi- possibile collaborazione con Coop, attenta a queste tematiche

2

I Giusti siamo noi! Difendiamo l’ambiente.

Cappello introduttivo:

I reati illegali ambientali costituiscono una grave piaga nel nostro Paese. Le conseguenze sono nefaste per il paesaggio, spesso per le persone. Talvolta dietro i reati ambientali ci sono interessi pericolosi e tanta corruzione. La Costituzione Italiana in un suo bellissimo articolo ci ricorda che il paesaggio è un bene prezioso e straordinario che dobbiamo imparare ad amare e rispettare. Da qui nasce la proposta di avviare una bella indagine con le docenti e con realtà professionali, di volontariato sui principali reati illegali ambientali che avvengono nella Penisola (smaltimento illegale di rifiuti speciali, cementificazione illegale e selvaggia, traffico e sfruttamento di animali).

Uno stimolo pratico per gli alunni e le alunne sarà quindi quello di ispezionare la città, per scoprirla meglio, per segnalare ed evidenziare i suoi pregi ambientali e le sue problematiche, per proporre magari soluzioni ideali…: in giro per Locate, alla scoperta dello stato dell’ambiente.

Soggetti coinvolti: Protezione Civile, Sguardi senza voce, Polizia Locale, Protezione Civile, Vigili del Fuoco

Opzioni di sviluppo:

realizzazione di un Vademecum ambientale che includa le regole da adottare a Locate per garantire il rispetto dell’ambiente, del territorio e degli animali. Il libricino costruito dagli alunni potrà essere stampato e distribuito alla cittadinanza affinché impari dai giovani a diventare più civile e rispettosa dell’ambiente: “I Giusti siamo noi! Impara dai giovani le regole del rispetto del verde”

Partecipazione a Giornate cadenzate dedicate alla raccolta rifiuti, pulizia del territorio: “Io rifiuto! “

iBooks tematici (digitalizzazione Scuole)

Studio del territorio locatese e analisi dello stato ambientale

3

I Giusti siamo noi! Bullino rosso ai bulli.

Cappello introduttivo valido per ciascuna opzione:

il bullismo è un fenomeno purtroppo largamente diffuso e non facilmente identificabile, a causa dei meccanismi che attiva all’interno del gruppo. La paura delle vittime da un lato, il silenzio solidale dall’altro impediscono di comprendere quelle che sono dinamiche relazionali estremamente pericolose.

Cosa è il bullismo. Chi sono i bulli. Come riconoscere il pericolo, come prevenirlo e come curarlo. Un viaggio di scoperta e consapevolezza tra insegnanti, alunni, genitori e partner appositamente coinvolti, che si pone l’obiettivo di rafforzare nei giovani il senso di capacità critica, la percezione del significato delle proprie azioni a livello etico e civico.

Opzioni di sviluppo:

realizzazione di una campagna pubblicitaria contro il bullismo tramite manifesti creati dai ragazzi stessi, che saranno affissi per tutta Locate

Realizzazione spettacolo teatrale + scenografie a tema, a cura della Tela del Ragno (all’interno dell’attività che l’Associazione è chiamata a svolgere presso le Scuole)

Preparazione di striscioni dedicati allo sport, all’amicizia ecc. che “viaggeranno” tra le Associazioni sportive di Locate e del territorio e accompagneranno “Amicizia batte bullismo 10 a 0”: i tornei sportivi organizzati con il supporto delle Associazioni sportive del territorio

Io tifo positivo (interesse mostrato da classi V Primaria). L’opzione prevede 7 incontri per 4 classi.

 

4

I Giusti siamo noi! Primi passi in sicurezza

Cappello introduttivo:

Le buone regole per crescere in sicurezza: dalla casa alla strada i pericoli possono essere tanti, se non riconosciuti. Insegniamo ai piccoli e ai più grandi a prenderne coscienza.

Interventi a scuola della Polizia locale, dei Carabinieri (M.llo Marra e il Cyber bullismo: sessioni aperte anche a genitori), dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile

Opzioni di lavoro:

Simulazioni-gioco in città a conlusione del lavoro svolto e in seguito agli incontri con le persone che ci garantiscono la sicurezza, potrà essere organizzato in piazza della Vittoria:

Un giorno da… Pompieri

Un giorno da… Ausiliari del traffico

Un giorno da… Carabinieri

 

5

I Giusti siamo noi! Educati… in genere

Cappello introduttivo:

L’educazione di genere intesa come percorso orientato al riconoscimento delle differenze tra maschio e femmina e al rispetto dell’uno verso l’altra è una priorità cui devono guardare le famiglie, le Scuole, le Istituzioni, nella consapevolezza che da essa possa generarsi una nuova e giusta cultura del dialogo.

Da questa premessa, alla luce dei frequenti casi di violenza legata al genere, si prospetta indispensabile un piano di educazione da rivolgere agli alunni e alle alunne di tutte le Scuole, sin dalla più tenera età.

Soggetti coinvolti: CEAF per Scuola Primaria, Centro antiviolenza “Donne insieme contro la violenza” di Pieve Emanuele per scuola Secondaria.

Opzioni di sviluppo:

Realizzazione di una campagna pubblicitaria che sostenga i valori del rispetto reciproco e dei ruoli sociali reali rivestiti oggi da maschi e femmine- uomini e donne.

Realizzazione di un dizionario dei mestieri e dei ruoli che riporti la corretta declinazione del genere, dalla A alla Z.

Es: Sindaco MA ANCHE SINDACA

Realizzazione della Giornata del 25 novembre (panchine di locate dipinte di rosso e tag, a cura del Centro Giovani + adesione al progetto “Posto Occupato) e dell’ 8 marzo (Spettacolo teatrale con Le Maskere)

Parchi di Locate: dopo la raccolta di tutte le storie e le informazioni necessarie, dedica  dei parchi di Locate a donne che si sono battute per la giustizia, che si sono distinte per il loro lavoro.

 

 

Dott.ssa Lucia Ravera
Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione

 

Comune di Locate di Triulzi

Tel: 0284928588

 

 

 

 

 

 

 

 


Fine dei contenuti della pagina

Sito ufficiale del Comune di Locate di Triulzi

Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.

Via Roma, 9 - 20085 Locate di Triulzi (MI)
Tel. 02-904841 - Fax 02-90731200
comune@pec.comune.locateditriulzi.mi.it
C.F.: 80101630152 - P.IVA 04039420155

Realizzazione Proxime S.r.l.